full screen background image

Acerra, minaccia di morte la ex convivente: domiciliari per un 28enne

Le continue violenze e minacce che, da circa 5 mesi subiva dal compagno col quale conviveva, l’avevano portata a troncare la relazione sentimentale che durava da due anni. Quando, nella mattinata di ieri, l’uomo ha iniziato a bussare violentemente la sua porta, una 32enne, incinta al 9° mese di gravidanza, ha prontamente allertato la Polizia di Stato.

In soccorso della vittima, infatti, sono accorsi gli agenti della sezione Volante del Commissariato di P.S. Acerra, che hanno subito provveduto a tranquillizzare la donna, visibilmente scossa e provata dalle innumerevoli minacce subite. L’uomo, un pregiudicato di 28 anni, era riuscito a dileguarsi prima dell’arrivo della Polizia, per poi ripresentarsi, successivamente, minacciandola di morte.

I poliziotti, ritornati nell’abitazione della donna, l’hanno accompagnata in Commissariato, riuscendo così a cristallizzare una serie di violenze, minacce e maltrattamenti che la poveretta era stata costretta a subire. Inevitabile l’arresto in flagranza dell’uomo, resosi responsabile del reato di stalking, aggravato dal fatto che, a compiere gli atti persecutori, fosse proprio l’ex compagno che ben conosceva lo stato di gravidanza della vittima.  I poliziotti, d’intesa con l’A.G. hanno sottoposto l’uomo al regime di arresti domiciliari.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *