full screen background image

G1 presentato per la prima volta al pubblico l’Archivio del M” Vincenzo D’Annibale depositato

Alle ore 17.00 del 26 Marzo 1827 moriva a Vienna Ludwig van Beethoven(Bonn 1770 – Vienna 1827). Un piccolo orologio a forma di piramide, il dono della duchessa Christiane Lichnowsky, viene fermato in quello stesso istante. Finisce così l’avventura terrena di una dei più grandi compositori di tutti i tempi. in occasione del 190° anniversario della sua morteGiovedì 7 settembre, alla Biblioteca Nazionale di Napoli, in Palazzo Reale récital del violinista Giuseppe Guida e del pianista Francesco Pareti. Saranno eseguite le celebri sonate op. 23 in la minore e la op. 24 in fa maggiore nota col titolo “La Primavera” , che Beethoven dedicò all’ amico e mecenate Conte Moritz von Fries , suo grande estimatore. L’Allgemeine Musikalische Zeitung trovò che le due Sonate erano «le migliori scritte da Beethoven, e ciò vuol dire che sono tra le migliori che siano state scritte».
Il concerto rientra nella STAGIONE CONCERTISTICA DELL’ ASSOCIAZIONE EX ALLIEVI DEL CONSERVATORIO DI MUSICA “S. PIETRO A MAJELLA” diretta dal m° Elio Lupi, che ha voluto celebrare il 190° anniversario della morte di uno straordinario e geniale innovatore che ha contrassegnato la storia della musica del secolo XIX.
Pianista e musicologo di fama, Francesco Pareti per 13 anni ha collaborato assiduamente col Teatro S. Carlo di Napoli, giungendo nel 1999 a ricoprire l’incarico di Direttore del Coro. Dal 1980 si dedica all’attività didattica, insegnando Pianoforte principale in diversi Conservatori di Musica italiani. Con lui in concerto Giuseppe Guida, che, dopo aver studiato Violino Barocco con Enrico Gatti, da diversi anni si dedica alla prassi esecutiva barocca ed alla esecuzione. Giuseppe Guida per lungo tempo ha collaborato con l’orchestra “Scarlatti” della RAI di Napoli, ed attualmente ricopre il ruolo di Primo Violino dell’ Orchestra da Camera di Caserta.
. Ingresso libero ( dalle ore 16.45 )fino ad esaurimento dei posti.
Programma
L. van Beethoven (1770-1827)
Sonata n. 4 in La Minore op. 23 per Violino e Pianoforte
(Presto, Andante scherzoso, Più Allegretto, Allegro molto)
Sonata n. 5 op. 24 in Fa Maggiore “Primavera” per Violino e Pianoforte
(Allegro, Adagio molto espressivo, Scherzo. Allegro molto, Rondò. Allegro ma non troppo)




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *