full screen background image

Honda entro nello spirito di ‘Glemseck 101’

Honda Motor Europe partecipa in forze questo weekend a ‘Glemseck 101’ – a Leonberg in Germania – esponendo otto special e partecipando alla “Sprint International 1/8th mile”

Quattro delle otto special sono basate su modelli attuali della gamma #honda. Una CBR1000RR Fireblade SP è stata “affilata” con dettagli pregiati ma allo stesso tempo minimalisti per partecipare alla “Sprint International 1/8th mile”. È dotata di telaietto posteriore in alluminio di derivazione Superbike, carene in fibra di carbonio, forcellone allungato e serbatoio in alluminio derivati dalla versione Endurance, trasmissione finale accorciata, cover dei carter su misura e impianto di scarico completo Akrapovic in titanio.

Il tre volte campione del mondo Freddie Spencer piloterà questa speciale Fireblade durante la gara di accelerazione “Sprint International 1/8th mile”, domenica 3 settembre, e scriverà una pagina di storia con un lancio dimostrativo a fianco di un altro mito del motomondiale, Kevin Schwantz.

Le due versioni della neo-retrò CB1100, già ammirate al “Wheels & Waves” 2017 di Biarritz, sono presenti anche a Glemseck.

La prima è la CB1100TR Concept, progettatata interamente dal team R&D italiano della Casa dell’Ala ed esposta per la prima volta ad Eicma 2016, salone della #moto di Milano. Nata per comunicare l’emozione e l’entusiasmo della cultura americana del flat track, è stata progettata per essere “la regina del circuito urbano”, con gomme slick e impronta da pura racer in contrapposizione ai tradizionali canoni del flat track, per ottenere un #design più familiare al mercato europeo.

La seconda è una versione completamente “dark” dell’attuale CB1100 EX, creata in collaborazione con i progettisti di South Garage di Milano. Utilizzando la consolidata base personalizzabile del CB1000, il risultato è un’elegante creazione che mescola lo stile café racer a quello bobber. Il serbatoio matt-black, il motore scuro, le cover e le ruote, ne esprimono il carattere; i semimanubri, la pompa freno radiale e la coda corta le conferiscono uno slancio aggressivo. Mini indicatori a LED, nuovo faro, sella in pelle con motivo a diamante e pneumatici intagliati le conferiscono un’attitudine perfettamente in linea con l’obiettivo del progetto: dimostrare quanto la CB1100 sia un’eccellente base per la personalizzazione.

Completa la rassegna delle quattro special #honda su base moderna, la versione ‘urban scrambler’ della nuova Rebel, la 500cc guidabile con patente A2, che è già un successo di vendite in tutta Europa. Ammirata per la prima volta al Bike Shed di Londra, è equipaggiata in questa interpretazione con possenti pneumatici, dischi freno maggiorati e terminale di scarico realizzato e saldato a mano, arricchendosi nel look con citazioni dello stile BMX e skateboard (con un supporto per la tavola collocato sul lato sinistro) e influenze dal mondo del motocross.

Le altre quattro special #honda sono state realizzate sfruttando la base unica e variegata della storia manifatturiera della Casa dell’Ala.

La prima “superbike di serie”, la leggendaria CB750 – una delle preferite dai customizer di tutto il mondo – è stata resa essenziale e rude, grazie all’immaginazione e al lavoro di Billy Mackenzie, ex pilota di motocross, passato dal dirt track all’officina. La sua versione nera e rossa della CB750 è disegnata per evidenziare le linee pulite del telaio e sottolineare l’impareggiabile motore quattro cilindri in linea raffreddato ad aria, senza interferire con le perfette proporzioni del modello originale.

La CX500, con il suo iconico motore bicilindrico a V trasversale, è un’altra delle #moto preferite dai customizer; due CX500 realizzate da Kingston Customs di Gelsenkirchen faranno mostra di sé allo stand #honda. Ad entrambe è stato applicato un completo trattamento café racer, utilizzando come base per una delle due la nota versione turbo dei primi anni Ottanta.

Joker della situazione è la bicilindrica CB250G realizzata da Black Beans di Monaco. È il risultato della scrupolosa ricostruzione pezzo per pezzo di una #moto trovata in un fienile. Sono stati montati nuovi carburatori e silenziatori, creando una ricca, profonda nota di scarico, completando il lavoro con nuovi freni, nuove pedane e l’aggiunta di supporti per gli ammortizzatori. La resa estetica complessiva è minimalista, elegante e davvero particolare.

Le otto special #honda sono un potente, eclettico mix di influenze e individualità che rappresentano l’entusiasmo degli appassionati customizer che le hanno create unito al desiderio di lasciare l’impronta sulle loro #honda, e tutte quante sono in sintonia con lo spirito di libertà e creatività alla base di #glemseck101, il più grande happening annuale del genere in Europa.

——

Glemseck 101 è l’happening motociclistico che si svolge a Leonberg, in Germania, a cui partecipano decine di migliaia di appassionati, visitatori e ospiti, che rappresentano l’intera scena motociclistica europea e che vivono lo “Spirit of the 101” per tre interi giorni. Quest’anno è la dodicesima edizione.

Glemseck rappresenta la più pura tradizione motociclistica sportiva nel sud della Germania. Fin dagli anni Sessanta, le leggende delle due e delle quattro ruote del motorsport erano coinvolte in entusiasmanti sfide sul leggendario circuito Solitude intorno a Glemseck.

Glemseck 101 è un #festival di tre giorni che intende preservare questa tradizione per un ampio pubblico. Offre entrata libera ai visitatori per l’intera durata della manifestazione ed è aperto a tutte le marche e a tutte le personalità del mondo della #moto.

Il suo scopo è anche quello di servire come punto di incontro per designer, ingegneri, sviluppatori e le loro #moto e creazioni, ospitando anche personalità internazionali, piloti e trendsetter. Il cuore della manifestazione è un paddock lungo un miglio e un ‘International Village’, dove trovano spazio gli stand di customizer e club da tutta Europa. Quest’aggregazione unica è tenuta insieme dalla storia di Glemseck nel motorsport, dagli sponsor e dealer locali, e dall’aggiunta dell’adrenalinica gara di accelerazione, la ‘Sprint International 1/8th mile’. Il tutto condito dall’esibizione di gruppi per offrire musica live durante i tre giorni.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *