full screen background image

La Fondazione Premio Cimitile presenta “Il luogo degli specchi opposti” di Corrado Vigilante

A Napoli, alla Biblioteca Nazionale, giovedì 14 Settembre 2017 ore 17.00 , la Fondazione del Premio Cimitile presenta “Il luogo degli specchi opposti” di Corrado Vigilante ( Guida Editore), opera vincitrice del Premio Cimitile 2017,per la sezione narrativa  inedita.
Saranno presenti  con l’autore, Corrado Vigilante, Felice Napolitano(Presidente della Fondazione Premio Cimitile),Diego Guida(Editore),Ermanno Corsi(Giornalista), Ida Di Martino (Speaker di radio Kiss Kiss Italia) Francesco Mercurio (direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli).

Corrado Vigilante , che esordisce col  secondo romanzo, propone al lettore una intrigata serie di crimini da svelare, ma un enigma sovrasta ogni altro, per il quale sembra impossibile qualsiasi soluzione razionale: come può, un gruppo di personaggi, uscire dalle pagine di un racconto per trasformarsi in persone? Sullo sfondo Napoli, dove ogni vicolo, ogni chiesa, ogni angolo, ogni pietra, narra storie infinite, tradizioni che si intrecciano tra passato e presente dall’ultima guerra fino ad oggi, in un susseguirsi di realtà e finzione, misteri e straordinarie avventure … in un gioco di specchi, di specchi opposti.
IL Premio Cimitile, che si tiene da 22 anni nello splendido  complesso delle  Basiliche Paleocristiane di Cimitile, premia uno scrittore emergente con il Campanile d’Argento, tradizionale riproduzione  del Santuario di San Felice, e con la pubblicazione del testo per le pagine  della casa editrice Guida di Napoli offrendo la possibilità ad autori emergenti di vedere pubblicata la propria opera. In ventidue anni, il Premio Cimitile ha laureato ventidue scrittori. L’evento viene così ad assumere un’evidente valenza di interscambio culturale. Un’opportunità per promuovere il libro, la lettura, la letteratura, l’arte, il complesso archeologico di Cimitile, il territorio campano.
La presentazione è un’occasione non solo per conoscere un nuovo autore ma anche per confrontarsi sull’arte e la cultura.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *