full screen background image

Lago Patria, broker del narcotraffico nascondeva nella taverna della ex moglie 240.000 euro in contanti

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli, dando esecuzione a un decreto di perquisizione emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, hanno scoperto che nella villa di una 45enne di Giugliano in Campania erano nascosti circa 240mila euro in denaro contante.

La donna è la ex moglie di Bruno Carbone, un 40enne ritenuto essere un broker del narcotraffico internazionale tra Colombia, Olanda e Italia latitante dal 2013, già processato in contumacia  e condannato a 20 anni di reclusione per traffico internazionale di droga.

Perquisendo l’immobile, una villa a 2 piani a Lago Patria “attrezzata” con telecamere, cancelli e porte blindate, i militari dell’Arma dei carabinieri hanno scoperto che in uno sgabuzzino nella taverna c’erano oltre 240mila euro in denaro contante all’interno di una scatola di cartone.

La donna è attualmente reclusa nel carcere di Santa Maria Capua Vetere dopo essere  stata raggiunta da una misura cautelare per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Il suo ex, Bruno Carbone, è destinatario anche di 2 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere, una delle quali è quella che ha portato in carcere la donna.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *