full screen background image

Napoli, congresso PD: nuove polemiche sulle anagrafe degli iscritti

“Mi sono dimesso perché costretto a letto da una bronchite. Spero passi presto, ma per rispetto a tutti gli altri componenti della commissione, ed al lavoro che in queste ore stanno completando per governare la difficile fase delle convenzioni, ho ritenuto utile dimettermi ed ho chiesto di farmi sostituire dall’avv. Massimiliano Castellone del Circolo di Pomigliano”. È quanto afferma Giovanni Nappi, presidente del Consiglio Comunale di Casalnuovo di Napoli e membro della commissione provinciale per il congresso PD Napoli. A mettere in dubbio l’operato e l’imparzialità di Nappi nella commissione è stato, nelle scorse ore, Giannone Gerardo segretario del Circolo di Fabbrica FCA (ex Fiat) di Pomigliano. “Basta, se è così vado via! Otto compagni che hanno fondato il circolo di fabbrica con me, che sono stati sempre presenti a tutte le iniziative, operai che lavorano con me da 17 anni in Fiat vengono per un errore tecnico affidati al circolo di Casalnuovo e non a quello di fabbrica” ha rivendicato Giannone con un post su Facebook. “… la commissione, dove è membro anche il casalnuovese Nappi, mi boccia la realtà senza sentire ragioni e senza ascoltare nessuno e senza manco telefonare. Basta se entro 24 non arriva la rettifica vado via dal Pd…” continua Giannone su Facebook. “Dice che se ne va? Ce ne faremo una ragione. Solo quando vedrò centinaia di persone fuori ai cancelli della Fiat a Pomigliano mi convincerò che gli operai di questa straordinaria realtà stanno veramente con il PD. Tutto il resto, ed è un mio parere naturalmente, rappresenta soltanto uno sterile e individuale tentativo di sopravvivenza politica ” ha commentato in risposta Giovanni Nappi. Nappi conclude dichiarando solidarietà alla presidente della commissione provinciale per il congresso, Grazia Tatarella, che è stata bersaglio di un altro post su Facebook del solito Giannone. Dopo questa ennesima polemica la federazione napoletana del PD




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *