full screen background image

Nuove date siciliane per “IoSoChiSono”, il tour teatrale degli Afterhours

Si è concluso lo scorso 28 Febbraio #IoSoChiSono, tour teatrale con il quale gli Afterhours hanno riletto parte della propria, lunghissima, storia musicale sotto la lente d’ingrandimento del tema dell’Identità.

Diciassette date, 15mila presenze, per uno spettacolo che ha unito musica e letteratura, introdotto ogni sera dal testo recitato di “Io so chi sono”, tredicesima traccia di Padania, ultimo e fortunatissimo album in studio della band.

“L’identità ha a che vedere con la responsabilità” – dice Manuel Agnelli, leader storico della band. “Il testo di Gramsci letto durante gli spettacoli è un testo sulle persone che prendono posizione e quelle che non lo fanno. E, in un momento come questo, c’è bisogno di prendere posizione anche a costo di rischiare, anche a corso di sporcarsi le mani”.

Lo spettacolo è stato accompagnato dai visual di Graziano Staino (autore di molti video della band), le luci di Davide Pedrotti e i suoni di Augusto “Ago” Mascarello.

Il tour, come annunciato dalla band sui propri profili social, sarà seguito da un lungo stop per dedicarsi al nuovo album.

“Ora ci fermeremo per sviluppare le idee. Dopo tanti dischi fatti, è importante che un progetto come il nostro parli quando abbiamo qualcosa da dire. Gli spunti in un momento come questo non mancano certo. È importante fare solo cose belle: non tanti dischi ma bei dischi”.

Prima della pausa, tuttavia, gli Afterhours hanno scelto di aggiungere due date altamente simboliche. Il 19 e il 20 marzo si esibiranno al Teatro Coppola di Catania, occupato dai cittadini nel 2011 e divenuto una realtà importante nella battaglia per riportare la Cultura al centro del dibattito sulle opportunità di sviluppo del Paese.

“Ci sono state fatte richieste pressanti per portare questo spettacolo anche al Sud, spesso sottintendendo in modo pesantemente critico che era nostra volontà non venirci” – dice la band.
“Rimaniamo sempre sorpresi e sconfortati quando, dopo tanti e tanti anni, constatiamo che la gente non si rende ancora conto che la nostra presenza in un determinato luogo non dipende da noi ma dalla disponibilità e possibilità delle strutture e dei promoter locali a supportare e investire in un progetto complesso come questo.
Piuttosto che portare uno spettacolo raffazzonato e smangiucchiato al Sud, mancando di rispetto al pubblico tanto per raccogliere consensi, preferiamo investire e rischiare di persona con una realtà che appoggiamo da sempre e che è fondamentale per l’idea di Cultura nella quale vogliamo credere.
Quando è possibile, anche se è difficile, noi ci siamo. Sempre”.

La prenotazione per le date del 19 e 20 marzo al teatro Coppola di Catania è obbligatoria perché i posti disponibili sono 200 per ogni replica. Potrà essere effettuata a partire dalle ore 12,00 del 10 Marzo 2015 all’indirizzo web teatrocoppola.smappo.com fino a esaurimento disponibilità. Si potrà prenotare un numero massimo di due posti per ogni singola registrazione.
Il contributo spese sarà di 15euro, a copertura dei costi di allestimento e realizzazione dello spettacolo, da versare al botteghino del Teatro dopo aver esibito la ricevuta di prenotazione. Parte del ricavato sarà devoluto al Campo San Teodoro Liberato/Briganti rugby Librino.

Apertura porte ore 20. Inizio spettacolo ore 21,00.
La prenotazione decadrà alle ore 21,00.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *