full screen background image

Report del personale, Lomazzo: “Sollecito a tutte le aziende medio grandi campane”

In ottemperanza all’art. 15 del dlgs 198/06 e relativamente alla rilevazione delle situazioni di squilibrio di genere nel mercato del lavoro, la Consigliera di Parità della Regione Campania informa e sollecita le aziende pubbliche e private, operanti ed aventi sede legale nel territorio campano e che occupano oltre cento dipendenti, a voler ottemperare a quanto sancito nell’art. 46 del d.lgs. 198/06 che recita: “ Le aziende pubbliche e private che occupano oltre cento dipendenti sono tenute a redigere un rapporto almeno ogni due anni sulla situazione del personale maschile e femminile in ognuna delle professioni ed in relazione allo stato di assunzioni, della formazione, della promozione professionale, dei livelli, dei passaggi di categoria o di qualifica, di altri fenomeni di mobilità, dell’intervento della Cassa integrazione guadagni, dei licenziamenti, dei prepensionamenti e pensionamenti, della retribuzione effettivamente corrisposta.” Alla luce della prossima scadenza del 30/06/18, “la dott.sa Domenica Marianna Lomazzo sollecita tutte le aziende medio grandi campane affinchè procedano alla compilazione del Rapporto non solamente p er ottemperare ad un obbligo di legge ma, soprattutto, per fornire un quadro quanto più possibilmente esaustivo della situazione dell’occupazione femminile nella Campania, e ciò al fine di consentire la promozione di azioni positive volte alla concretizzazione di un riequilibrio di genere sia occupazionale che retributivo e di contrasto alle segregazioni orizzontali e professionali che oggi amaramente si registrano. E, quindi, di permetterle di svolgere al meglio il suo ruolo di cerniera tra il mondo del lavoro e l’azione dei Governi regionale e nazionale. La Consigliera Lomazzo ritiene opportuno anticipare una breve sintesi del Report relativo al biennio 2014/2015 ed elaborato dal suo Ufficio, con la collaborazione fattiva della dott.ssa Luisa Festa, Consigliera di Parità supplente”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *