full screen background image

Venerdì 8 settembre “La Santa Piccola” di Vincenzo Restivo Ospite della Biblioteca Comunale Di Marcianise

Riparte, dopo la pausa estiva, il tour di presentazioni de “La Santa Piccola” di Vincenzo Restivo. Dopo aver girato per librerie e rassegne culturali in tutta Italia, l’autore torna a casa: “La Santa Piccola” viene presentata a Marcianise, città natale di Vincenzo Restivo. Venerdì 8 Settembre( alle ore 17:30) il giovane autore sarà ospite della Biblioteca Comunale della città. Ospite dell’appuntamento letterario, oltre all’autore e all’editore Moreno Casciello, il responsabile cultura dell’Arcigay Caserta Christian Coduto. Il libro “La Santa Piccola” si inserisce perfettamente nel solco dei titoli della collana di Milena Edizioni dedicata al mondo LGBT per i suoi protagonisti, le loro vicende e le loro storie personali. Mario, Lino e Assia. Diciassette anni. Tre realtà all’interno dello stesso stabile: una palazzina popolare di Forcella dove le case vecchie hanno l’odore del metano a causa delle tubature usurate e dove l’omertà e la superstizione hanno più valore delle buone azioni. Per le precarie condizioni economiche, Lino e Mario sono costretti a prostituirsi. Un’adolescenza contagiata da un mondo di adulti fin troppo sporco, carnefice della loro innocenza. La violenza diventa, allora, l’unica alternativa di sopravvivenza. E in tutta questa violenza, violento diventa anche l’amore, perché non ricambiato. A Mario i maschi non piacciono, dice lui, è roba da ricchioni, ma poi è innamorato di Lino che è anche il suo migliore amico e con Lino ci farebbe tutte le cose più pesanti che si fanno con le femmine. Lino però è innamorato di Assia e lei lo ricambia allo stesso modo, malgrado l’opposizione della famiglia, perché è diventato un tipo violento da quando gli hanno ammazzato il padre per un debito con la camorra e da quando vive solo con una madre in pieno esaurimento nervoso. Poi c’è Annaluce, nove anni, che tutti chiamano La Santa Piccola che a un certo punto dice di avere le stimmate e di vedere la madonna. Forcella diventa così teatro di un prodigio, invasa da una folla di fedeli in attesa di un miracolo. E anche Mario, Lino e Assia chiedono il loro miracolo, la loro richiesta d’aiuto, il loro bisogno d’amore in un mondo che li vede fin troppo randagi. E quel grido di disperazione sarà anche la ragione del drammatico epilogo. L’autore, Vincenzo Restivo, è un autore di Caserta, al suo quinto romanzo a soli 34 anni. Insegna Lingue e Letterature straniere. Attivista per diritti degli omosessuali, tramite l’associazione RAIN di Caserta.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *