full screen background image

Vomero, denunciati 2 giovani per possesso di armi ed un minore per posesso di droga e coltello

Nell’ambito del Progetto Sicurezza Giovani,  gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Occidentale  – Palermo – impegnati nei servizi di prevenzione in questo capoluogo, nel quartiere Vomero,  nella serata di ieri, 12 marzo,  hanno  denunciato  in stato di libertà un minorenne, responsabile di  detenzione di coltello e di sostanza stupefacente  nonché ,  poco dopo la mezzanotte,  due giovani di 24 e 20 anni  sempre per   detenzione di coltello. I poliziotti impiegati sul turno serale, transitando in  via Luca Giordano, hanno incrociato  un gruppo di quattro giovani  che al loro arrivo  hanno cercato di allontanarsi. Fermati e controllati  uno di loro, un minorenne,  è stato trovato in possesso di un coltello a scatto  di cm. 17 del quale non ha saputo dare alcuna spiegazione e, nella tasca del giubbino, aveva anche un involucro di carta trasparente con una dose di sostanza erbacea, pari a 0,51 grammi,  verosimilmente stupefacente che ha riferito di utilizzare sporadicamente. Il padre del giovane è stato  contattato ed è giunto sul posto dove, oltre a consegnargli il minore,   gli è stato comunicato del deferimento del figlio all’Autorità Giudiziaria competente per porto abusivo di arma e  la segnalazione per la violazione della norma sugli stupefacenti. Poco più tardi,  procedendo nel servizio di controllo del territorio, gli agenti sono arrivati in via Tito Angelini ed hanno  notato due ragazzi che appena hanno visto l’auto di servizio si sono messi le mani in tasca ed hanno tentato di allontanarsi. Il gesto di mettere le mani in tasca, come a protezione di qualcosa,  ha insospettito i poliziotti che hanno deciso di controllarli. Infatti nella tasca di uno dei due c’era un coltello a serramanico di 19 cm.  e nella disponibilità dell’altro giovane, un coltello  a serramanico di 14 cm. Entrambi sono stati denunciati in stato di libertà ed i coltelli sequestrati e posti a disposizione dell’autorità giudiziaria.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *