full screen background image

Al ristorante Cantina San Teodoro il premio Gusto&Salute dal Gambero Rosso 2015

Un riconoscimento speciale per la ricerca e l’attenzione all’aspetto salutare di ogni piatto: è il premio Gusto&Salute che l’edizione 2015 della guida ai Ristoranti d’Italia ha attribuito al ristorante Cantina San Teodoro di Mimmo Alba. La guida, edita dalla holding del Gambero Rosso, è stata presentata alla stampa lunedì 17 novembre.

“Sono orgoglioso di aver ottenuto questo importante e significativo riconoscimento perché credo fermamente che stare attenti alla salute a tavola non significhi rinunciare al gusto, anzi. Cucino senza sale per scelta, perché gli alimenti contengono naturalmente sale, il mio lavoro mira a non farglielo perdere attraverso le cotture”. Con queste parole lo chef Mimmo Alba ha ritirato personalmente il premio.

dadaLa venticinquesima edizione della guida ha recensito circa 2088 indirizzi. Quest’anno il linea con una tendenza diffusa anche tra gli utenti, cresce l’attenzione per il benessere fisico e per quanti soffrono di intolleranze alimentari, per cui accanto allo chef Alba sono stati premiati altri 3 grandi nomi della ristorazione italiana che coniugano la ricerca di piatti golosi con il ricorso a ingredienti salutari e che nella loro proposta pongono l’accento su questo aspetto: Pietro Leeman del Ristorante Joia (Milano), Paolo Teverini del ristorante omonimo a Bagno di Romagna (FC), Heinz Beck de La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri (Roma).

Nel quartiere Chiaia, a pochi passi dal lungomare più bello, la Cantina San Teodoro è il ristorante dello chef Mimmo Alba: un salotto gastronomico con cucina, più che un ristorante tout court. Lo spazio è suggestivo, la cucina è a vista; i tavoli sono pochi, 32 coperti appena, perché la filosofia è qualità e non numeri.
In cucina solo materie prime di stagione che arrivano da fornitori di fiducia in grado di garantirne la qualità. per esaltare il gusto di ogni prodotto lo chef non aggiunge sale alle portate, ricorrendo a contrasti sempre nuovi tra le materie prime che compongono i piatti .




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *