full screen background image

Bambine kamikaze, Terre des Hommes: la comunità internazionale si attivi per bloccare Boko Haram

Bambine kamikaze, Terre des Hommes: la comunità internazionale si attivi per bloccare Boko Haram. La protezione dell’infanzia valida strategia contro il terrorismo. Terre des Hommes esprime forte preoccupazione per l’evolversi suicidekiddel conflitto in Nigeria, dove Boko Haram sta usando come orribile e inedito strumento di guerra delle bambine kamikaze per compiere attentati contro i civili. “Mancano le parole per descrivere queste atrocità. Questi episodi dimostrano un disumano disprezzo per il valore della vita di chi è più indifeso e non può sottrarsi agli ordini”, dichiara Raffaele K. Salinari, presidente della Federazione Internazionale Terre des Hommes. “La comunità internazionale non può stare zitta, ma deve spingere il governo nigeriano a proteggere con maggiore determinazione la popolazione civile da Boko Haram. In maniera particolare vanno protetti tutti i luoghi frequentati dai bambini, prime tra tutte le scuole, dove il gruppo terrorista spesso sequestra i suoi futuri combattenti. Garantire tutti i diritti dei bambini, rafforzare l’educazione e la protezione dell’infanzia, in Nigeria come altrove, è una valida strategia per contrastare il terrorismo”. Terre des Hommes è promotrice della Coalizione Stop all’Uso dei Bambini Soldato e da tre anni, con la sua Campagna “Indifesa”, Terre des Hommes è particolarmente impegnata a difesa delle bambine nel mondo, con progetti concreti per migliorare la loro condizione e azioni di sensibilizzazione per denunciare le violazioni dei loro diritti.

Terre des Hommes da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall’abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo.
Attualmente Terre des Hommes è presente in 65 paesi con oltre 840 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea, l’ONU, USAID e il Ministero degli Esteri italiano.