full screen background image

Covid-19 Pisani: anche gli studi legale operano con lo “Smart-Working”

Napoli – lo studio legale “Pisani & Partners”, per tutelare la salute dei propri clienti e prevenire ogni possibile forma di contagio, dal 5 marzo si trasformati in stanze virtuali chiudendo temporaneamente tutte le sedi, senza rinunciare però a fornire assistenza telematica quotidiana a tutti gli utenti che ne faranno richiesta e agli aggiornamenti on line.
“ Il nostro studio studio multidisciplinare professionale che ha come obiettivo e core business la difesa e consulenza legale , fiscale, tributaria e del lavoro è da anni fermamente convinto dell’importanza della dematerializzazione dei documenti e sulla possibilità di operare tramite smart-working – spiega l’avvocato Angelo Pisani – ed è per questo che in questo periodo di emergenza abbiamo completamente trasformato le sedi in stanza virtuali on line, attivando un “Ufficio Telematico” disponibile tramite due piattaforme, una per le videoconferenze, e l’altra per la condivisione della documentazione con i clienti. Semplicissimo poter entrare in contatto con lo studio Pisani da smartphone e computer.
Cliccando sul link seguente per partecipare alla conferenza:
https://meet.jit.si/studiopisani
Just want to dial in on your phone?
Componi: +1.512.402.2718 PIN: 2224360507#
Click this link to see the dial in phone numbers for this meeting
https://meet.jit.si/static/dialInInfo.html?room=studiopisani
Grazie alla collaborazione di tutto il team e all’ausilio dei sistemi informatici – aggiunge Pisani – si riuscirà a proseguire senza problemi la tradizionale attività ordinaria garantendo assistenza ed aggiornamento continuo a cittadini e contribuenti che in particolare in momenti di crisi non devono sentirsi soli ma devono avere sempre un punto di riferimento ed assistenza.
Chiudendo abbiamo voluto dare il buon esempio in questo momento così difficile. Il messaggio principale è “vediamoci da casa senza aprire la porta “Ci auguriamo – conclude Pisani – che anche altri studi professionali ci seguano in questa scelta, perché tutti dobbiamo stare fermi, altrimenti questa battaglia non si vince”.
È possibile mettersi in contatto con i legali contattandoli anche su WhatsAPP up al 335417420, o via mail all’indirizzo: ufficiopisani@gmail.com .
Abbiamo pensato che la nostra APP può esser utile anche i bambini e le famiglie.
L’avv. Angelo Pisani propone quindi L’APP per le dirette video anche tra insegnanti e alunni. Una piattaforma completamente gratuita, di facile e buona qualità ma soprattutto non pone limiti sul numero dei partecipanti.
A poco più di due settimane dalla chiusura delle scuole, continua la sperimentazione della didattica a distanza. Tra dubbi (dei professori), che si rinsaldano e disagio (di famiglie ed alunni) crescente.
Nelle difficoltà che coinvolgono l’intero sistema, a essere in particolare sofferenza è la scuola primaria e la secondaria di primo grado. Insomma le elementari e le medie.
In primis la difficoltà principale sono i collegamenti tra prof e alunni, la ricezione del segnale, le difficoltà nell’inserire tutti i ragazzi in una unica chat.
Ed ecco che arriva la proposta dell’avvocato Angelo Pisani che ha già consigliato alle scuole ischitane ed ora estende l’invito alle altre scuole di utilizzare l’APP gratuita ‘Jitsi Meet’.
Si tratta di un servizio di videoconferenza open source che sfrutta il recente protocollo WebRTC che permette di trasformare il proprio web browser in un soft-phone. Basta avere a disposizione una webcam sul proprio computer o dispositivo mobile. Il limite al numero in contemporanea dei partecipanti ad una videoconferenza è dato solo dalla banda disponibile, ma fino a 30 utenti non ci sono problemi.
«come per l’attività professionale avviare una videoconferenza è molto semplice – spiega l’avv. Angelo Pisani – senza alcun bisogno di registrarsi, si avaria L’ APP si crea una stanza assegnandole il nome che preferiamo; a questo punto dobbiamo solo condividere questo URL con le persone con cui vogliamo entrare in contatto e aspettare che si colleghino per iniziare a comunicare».
«Abbiamo poi la possibilità– continua l’avv. Pisani -, di condividere lo schermo e documenti; usare una chat per mandare messaggi di testo ai partecipanti. Ma la funzionalità forse più interessante è quella di far comunicare Jitsi Meet con alunni e insegnanti creando anche un account YouTube in modo da realizzare una lezione live sincronizzata sul canale».
Jitsi Meet non richiede alcuna registrazione per utilizzare il servizio e tutti i partecipanti risulteranno anonimi. Ma c’è comunque la possibilità per tutti i partecipanti di personalizzare avatar e username per la sessione corrente, permettendo così un facile riconoscimento.
Jitsi Meet potrebbe mostrarsi come un servizio ideale per videoconferenze tra insegnanti e alunni sia perché completamente gratuito, sia perché di facile e di buona qualità, ma soprattutto non pone limiti sul numero dei partecipanti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *