full screen background image

Eroico salvataggio dei Vigili del fuoco: anziano bloccato nella sua baracca in fiamme, sulla montagna dei Camaldoli

Le fiamme e il denso fumo nero non hanno certo fermato i vigili del fuoco. C’era una persona da soccorrere e pronti a tutto, sono riusciti a metterla in salvo, con un salvataggio a dir poco straordinario

Lettera di Ringraziamento Speciale ai Vigili del Fuoco per aver salvato mio suocero, Ciotola Paolo, contadino di anni 80. Buongiorno,  sono Luca Nugnes,  mi rivolgo a tutto il corpo dei Vigili del Fuoco,  perché il giorno 23/08/2022  sono stato testimone mio mal grado di un salvataggio a dir poco straordinario.  Erano le ore 12:30 circa quando ho effettuato la prima telefonata alla sala  operativa del 115 perché una parte della montagna dei Camaldoli,  lato Soccavo, era in fiamme,  e proprio sopra questo precipizio era presente mio suocero,  Ciotola Paolo,  contadino di anni 80 che per passione tutti i giorni deve inoltrarsi per 2 km nella montagna per arrivare nel suo appezzamento di terreno,  dove ancora coltiva. In pochi minuti  è arrivato l elicottero e l aereo ma soprattutto la squadra 15b, del  distaccamento di Pianura , diretta dai capo squadra Riccardi Pasquale e  Scala Aniello, accompagnati  dal vigile coordinatore Cacciapuoti Michele,  dai vigili esperti Cacace Salvatore e Gragnaniello Antonio. Sin da subito mi hanno rassicurato che sarebbe riuscito a portare in salvo mio suocero,  e sono stati di un umiltà ed umanità indescrivibile.  Siamo stati in contatto tutto il tempo con la sala operativa perché oltre a spegnere la parte di montagna visibile c’era da spegnere la stradina sul retro che ci avrebbe permesso di salire, a piedi,  perché  non possibile passare con i mezzi di soccorso.  Ringrazio tutti,  dagli operatori della sala operativa che comunicavano tempestivamente le mie indicazioni ai piloti,  alle squadre in volo che non senza difficoltà logistiche hanno eseguito le mie non semplici e precise indicazioni.  Ma soprattutto alla squadra di recupero,  la 15 b,  sopraindicata, che mi ha accompagnato per oltre due km in altitudine,  in situazione boschiva e non semplice per la cenere,  l acqua, il fango che si era creato,  nell andare a recuperare mio suocero e riportarlo sano e salvo a casa,  con una forza,  un coraggio e soprattutto con tanta umanità.  Un grazie enorme,  se non era per la prontezza,  rapidità e soprattutto la collaborazione tra le parti,  non so se ora potevamo parlare di questo straordinario salvataggio.  É con enorme affetto che da parte di tutta la famiglia ringrazio il corpo dei Vigili Del Fuoco.

Luca Nugnes

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *