full screen background image

IX Municipalità: Volontari Provvedono al Reinserimento degli Alberi Nell’arredo Urbano

Strazzullo; Il comune provNell’vede solo a decapitare gli alberi desertificando il patrimonio ambientale
Come preannunciato, questa mattina su iniziativa del consigliere municipale Pasquale Strazzullo, I volontari dell’associazione Angeli Partenopei presieduta da Antonio De Vito ed i militanti del circolo di Pianura di Fratelli d’Italia alla presenza del consigliere comunale Andrea Santoro, hanno iniziato l’attività di recupero del patrimonio ambientale devastato dall’imponente taglio degli alberi in condizioni di pericolo fatti tagliare dal comune di Napoli o abbattuti da fenomeni di calamità naturali. Negli ultimi anni, racconta Strazzullo, abbiamo assistito ad una vera e propria desertificazione di intere strade come l’asse viario di via Provinciale Montagna Spaccata oppure, emblema di questa attività invasiva nei confronti dell’ambiente, è quella dei vialoni del Parco Virgiliano a Posillipo, un tempo scenario da cartolina. Il comune provvede solo alla decapitazione degli arbusti lasciando i marciapiedi e le strade inagibili e senza provvedere al reinserimento di nuovi alberi a tutela del patrimonio ambientale e al Decoro Urbano. Per questo insieme a Gianni Langella, Fortunato Cioce, Giovanni Supino, Marco La Rocca, Mario De Vito e tanti altri volontari, abbiamo deciso di provvedere attraverso un’azione civica al recupero del Decoro Urbano e del patrimonio ambientale del territorio. Quest’oggi è stata la volta di via Provinciale Napoli a Pianura dove abbiamo rimosso i tronchi monchi con radici e piantato cinque alberelli di ligustro ed un leccio negli appositi spazi predisposti sui marciapiedi antistanti il Parco pubblico Attianese che tra l’altro abbiamo riscontrato che risulta in uno stato manutentivo completamente assente. Nei prossimi weekends conclude Strazzullo, continueremo la nostra opera su via Montagna Spaccata dove l’impresa sarà sicuramente più ardua ma ciò non ci spaventa!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *