full screen background image

Marzo donna non solo a marzo, corsi di formazione e convegni fino al 29 aprile

“Offrire alle donne opportunità di incontro, crescita e professionalizzazione significa valorizzare le loro potenzialità e abilità, in modo da renderle consapevoli di se stesse e della possibilità di auto realizzarsi. È per questo che progetti come Marzo donna non solo a marzo aiutano l’intera comunità ad esprimersi e a migliorarsi”. Così Flora Beneduce, consigliere regionale della Campania e vice presidente della commissione consiliare permanente che si occupa di Affari istituzionali, commenta l’iniziativa, giunta alla seconda edizione, che è stata ideata e organizzata della Quarta Municipalità di Napoli e dalla Consulta Pari Opportunità della stessa, giunta alla seconda edizione.
L’obiettivo è quello di dare alle donne conoscenze teoriche e tecniche per approcciare il mondo del lavoro, attraverso corsi di formazione tenuti da esperti. Le tematiche trattate sono cucina, cucito, cura del corpo, web da casa e governante della famiglia. Questi percorsi, presentati il 31 marzo, si concluderanno il 29 aprile, con una serata di gala in cui sarà presentato un report sui corsi.
In itinere, poi, il convegno che si terrà lunedì 13 aprile alle 10.30 presso la Sala del Lazzaretto, Santa Maria della Pace a via dei Tribunali. La kermesse prevede tre sezioni tematiche sull’ “Assicurazione obbligatoria” per le casalinghe, il progetto “Garanzia giovani” e il rapporto tra “Banca, donna e impresa”.
“Armando Coppola, presidente della municipalità, ha dimostrato in molte occasioni la sua sensibilità al tema delle pari opportunità. La sua vicinanza alle donne non è un atto formale, ma è un impegno costante che si alimenta con il confronto e che viene tradotto in iniziative concrete – conclude l’onorevole Flora Beneduce -. Ritengo che non ci possa essere nulla di più prezioso del dotare una persona di strumenti utili nella quotidianità, ma anche per la scoperta delle proprie capacità, che potrebbero tradursi in idee imprenditoriali”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *