full screen background image

MusicMachine 2 un carillon fantascientifico da Reuge e MB&F – VIDEO

Design da nave spaziale, melodie dal mondo del rock e della fantascienza e tavola armonica innovativa – MusicMachine 2 (MM2) si spinge dove nessun altro carillon ha mai osato spingersi. Dietro le sue sembianze futuristiche, MM2 cela tutti gli elementi tradizionali di un carillon di alto livello realizzato con grande cura ed estrema precisione. Non c’è da stupirsi: è realizzato da REUGE, il produttore di carillon con circa 150 anni di esperienza nel settore. Al di là dell’aspetto, anche le melodie di MusicMachine 2 si possono definire non convenzionali: temi da Guerre stellari, L’Impero Colpisce Ancora e Star Trek, su un “canale”; Stairway to Heaven dei Led Zeppelin, Angie dei Rolling Stones e Should I Stay or Should I Go? dei Clash sull’altro. Piccola curiosità: MM2 è stata concepita e progettata da MB&F e le sue canzoni sono state selezionate dal fondatore Maximilian Büsser, fan del rock ‘n’ roll e del genere fantascientifico. MusicMachine 2 funziona grazie a due movimenti indipendenti montati sulla sezione di coda della nave spaziale. Ognuno di essi ha una chiave di ricarica (camuffata da propulsore), un bariletto, un cilindro orizzontale (con l’aspetto di una gondola di curvatura) dotato di copiglie e un pettine con lamine accordate a mano che riproducono tutte le note necessarie. Ogni cilindro riproduce tre melodie. Un regolatore a forma di ventola circolare (che ricorda un radar) regola la velocità di svolgimento del cilindro. Se MusicMachine 2 vi sembra fuori dal mondo, aspettate di sentirla suonare. Una delle sfide più impegnative è stata l’amplificazione del suono. Nei carillon tradizionali, il movimento è a contatto con una cassa in legno di noce che amplifica il volume. MusicMachine 2 è però tutt’altro che tradizionale. La sua cassa armonica – un guscio in alluminio leggermente bombato che costituisce lo scafo principale – è apparentemente separata dal movimento montato sulla coda. L’asta di coda diagonale è l’unico elemento visibile che li collega. Quindi in MM2 l’energia del suono come viene trasmessa da A a B? Grazie ad un’ingegnosa soluzione sviluppata da Jeanmichel Capt di JMC Lutherie.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *