full screen background image

Pianura: affoga nei rifiuti, allarme rosso, cercasi Asia e Municipalità, “Saranno in Ferie”?

Il quartiere Pianura ricadente nella nona municipalità di Napoli continua ad essere in stazionaria emergenza rifiuti in tutti i periodi dell’anno anche quando le cause non sono eventualmente imputabili alle manutenzioni degli STIR e CDR. Si è concluso, attacca il coordinatore municipale di Fratelli d’Italia, l’anno vecchio negativamente con un primato di abbandono e degrado del territorio e si è cominciato quello nuovo nel peggiore dei modi con le strade divenute vere e proprie discariche. Se è pur vero che da un lato le origini delle problematiche e delle inefficienze del servizio sono imputabili all’amministrazione centrale e più precisamente alla giunta De Magistris, dall’altro lato si registra una totale incapacità di rappresentanza istituzionale di chi governa la Municipalità che si limita solo ad inoltrare scartoffie senza mai assumere un atteggiamento operativo. Talvolta, prosegue il consigliere Strazzullo, come si suol dire, le porte chiuse vanno necessariamente aperte a calci specialmente quando si resta inascoltati e si mortifica il territorio. Contrariamente invece, vi è sempre stato un atteggiamento accondiscendente e di sottomissione da parte della municipalità nei confronti di Asia e comune che camminano a braccetto al punto di sacrificare aree pubbliche del quartiere per trasformarle in centri di raccolta di interesse comunale che per noti motivi sono stati sottoposti a sequestro giudiziario dalla Procura della Repubblica di Napoli a seguito di nostre denunce. Non si comprende ancora, come mai insistono ancora batterie di cassonetti per il conferimento del tal quale che incentivano il verificarsi di scarichi illegali di ogni genere con il formarsi di vere e proprie discariche a cielo aperto come quella perennemente irrisolta di via Monti, per non parlare delle situazioni di quelle in via Provinciale a ridosso dell’unico parco pubblico rimasto aperto sul quartiere e dove vi sono numerosi ragazzini e bambini che ne usufruiscono, di via Grottole, via Cannavino, via Picasso nei pressi della stazione cumana dove addirittura la Municipalità ha concesso l’utilizzo di un’area pubblica per adibirla al trasbordo di rifiuti consistente nei travasi tra autocompattatori con tutti i disagi che ne derivano e per il deposito temporaneo di carta e plastica che tra l’altro in questi giorni non viene prelevata. I disagi sono tanti conclude Strazzullo, con serie preoccupazioni per il risvolto igienico-sanitarie che ne deriva, infatti molti cumuli di tal quale è speciali sono stati incendiati con il conseguente rischio diossina ed ora le operazioni di prelievo e smaltimento diventano più complesse. Fratelli d’Italia attraverso anche all’impegno del consigliere comunale Andrea Santoro, di Pietro Diodato e dei militanti della sezione di Pianura si sta arrivando per smuovere chi di dovere a bonificare il territorio trasformato in una bomba ecologica. Auspichiamo solo che comune, municipalita’ ed Asia non siano in vacanza per il lungo ponte dell’epifania.
Pasquale Strazzullo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *