full screen background image

Posillipo, scippa un orologio in via Ferdinando Russo: arrestata donna di 35 anni

Una pregiudicata del quartiere “Decumani” è stata arrestata in flagranza, nella tarda serata di ieri, dagli agenti del Commissariato di Polizia “Posillipo”. Una donna di 35 anni, in qualità di passeggero di uno scooter Honda Sh 150, condotto da un complice, in Via Ferdinando Russo, hanno avvicinato una coppia che stava rincasando, al fine di impossessarsi dell’orologio che l’uomo indossava al polso, del valore di circa 200€. A seguito dell’azione fulminea, ne nasceva una colluttazione tra la vittima ed il conducente dello scooter, a seguito della quale il rapinatore e la complice, cadevano a terra, riuscendo a fuggire a piedi ed abbandonando in strada lo scooter.
L’immediato allarme al 113 ha consentito, alla Sala Operativa della Questura, di far giungere, immediatamente sul posto, la volante del commissariato di Polizia “Posillipo”. I poliziotti, raccolti i primi dati, relativi alle caratteristiche somatiche, nonché all’abbigliamento indossato dai due rapinatori, hanno individuato, in Via Posillipo, una donna che corrispondeva a quelle stesse descrizioni. La donna, che imbracciava un casco da moto, stava per salire su di un’auto di passaggio quando gli agenti l’hanno fermata. Il tempismo degli agenti, infatti, è stato determinante all’arresto della 35enne, in quanto se solo fossero giunti un minuto più tardi, avrebbero perso le sue tracce. Il particolare che ha incastrato la35enne, oltre al fatto d’esser stata riconosciuta senza ombra di dubbio dalle vittime, è che la stessa era stata descritta da queste che indossava una canottiera nera, recante sulla schiena un vistoso numero 1. I poliziotti hanno notato quella stessa canottiera, nascosta all’interno del casco della 35enne. Le due vittime sono ricorse alle cure mediche per contusioni ed escoriazioni guaribili in 7 giorni. La donna è stata arrestata, perché responsabile, in concorso con altra persona attivamente ricercata, del reato di rapina e lesioni e condotta dagli agenti al carcere femminile di Pozzuoli.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *