full screen background image

Carla Fracci: “le ballerine devono sorridere quando sono sul palco, ma a Napoli il sorriso viene dal cuore”

Carla Fracci, icona di femminilità ed eleganza famosa in tutto il mondo, torna a Napoli, terra a lei molto cara: “per me è una città unica non solo per le sue bellezze, ma per la gente: i napoletani hanno un sorriso travolgente nonostante le difficoltà di questo paese. Sono generosi, danno tanto, e chi passa di qui arricchisce inevitabilmente il proprio cuore. Ho vissuto tanto tempo a Napoli, ed ogni volta che vi torno il calore delle persone mi fa sentire a casa. Le ballerine devono sorridere quando salgono sul palco, essere espressive anche col viso, fa parte del nostro lavoro… ma a Napoli il sorriso viene dal cuore”.
Carla è molto legata a questa città anche perché ci sono persone a lei molto care. La sua storica amicizia con Elsa Evangelista, Preside del Conservatorio San Pietro a Maiella, e con Sofia Bianco della S.O.F.I.A. Onlus, la ha portata in visita al Conservatorio in compagnia del marito Beppe Melegatti in occasione del Premio S.O.F.I.A., un premio riconosciuto alle personalità distintesi nei vari ambiti (militare, sportivo, culturale, musicale) per doti di altruismo e generosità verso il prossimo. “Il Premio è stato organizzato da persone splendide alle quali sono particolarmente legata. La storia di Sofia, che ha perso il suo giovane figlio 23enne in servizio per la patria, deve essere di esempio per tutti. Questa donna è riuscita a trasformare il dolore in amore, ed io sono lieta di circondarmi di queste donne meravigliose, Sofia ed Elsa. Quest’anno poi l’organizzazione dell’evento a cura di Pasquale Turco, direttore di Capri Event, è stata perfetta ed è stato tutto molto emozionante. È stato un onore essere premiata in questa cornice unica al mondo”.
Ma Carla tornerà a Napoli: sarà coinvolta in un nuovo progetto in collaborazione con il Conservatorio San Pietro a Maiella, fiore all’occhiello per l’Italia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *